Reversible bag


A tempo di record ho finito la reversible bag da un pattern trovato su Verypurpleperson.com.
Il pattern e’ semplice e chiaro e la stoffa (Fredrika, IKEA) ha la giusta consistenza perche’ la borsa mantenga la sua bella forma anche quando e’ piena di oggetti.

image

L’interno e’ una stoffa per quilting di Stof (danese), acquistata nel negozio Direfarequiltare

image

Inutile dire che l’ho già ampiamente usata, essendo una tipica borsa estiva, visti i colori

image

I have just finished my Reversible bag (pattern from Novita of Verypurpleperson)
It’s a simple and clear tutorial and the bag has a very nice shape, that is maintained also when it is full (due also to the the texture of the fabric – Fredrika by IKEA)

image

Annunci

bucket hat


Ecco finito qualcosa di più impegnativo: un reversibile bucket hat (schema free  di Liesl Gibson, su Oliver and S.

image

non è difficile e le spiegazioni sono molto chiare. Sarebbe destinato ad una nipotina ma è  risultato un po grande (probabilmente lo schema includeva già i margini di cucitura)

image

La stoffa fa parte della collezione Flight of Fancy di Paula Prass (acquistata una anno fa da Dire Fare Quiltare .

angelo Tilda


image

Ecco, finalmente terminato, l’angelo vintage Tilda (quello del kit di questo post) . C’e’ voluto un po’ di tempo perche’ passava sempre in secondo piano rispetto ad altre mille cose da fare.

Alcuni passaggi sono stati un po’ impegnativi per una neofita del cucito come me…..

–  non e’ facilissimo cucire a macchina su piccoli particolari curvi, come il collo e le caviglie. Sono riuscita ad avere un risultato soddisfacente fermandomi  all’inizio della parte curva per accorciare al massimo la lunghezza del punto e procedendo poi a cucire usando manualmente il volano. In questo modo sono riuscita a ruotare la stoffa sotto il piedino senza troppa difficoltà.

– altro passaggio che sembra banale, ma non lo e’, e’ l’imbottitura. Specialmente in parti sottili come le gambe, ho dovuto riempire pezzetto per pezzetto con piccole quantità di imbottitura facendo attenzione a non comprimere troppo (con un bastoncino) per evitare un aspetto bitorzoluto molto distante da quello delle eleganti figure dei libri di Tone Finnanger.

-infine la plissettatura della gonna….l’ho disfatta e rifatta un paio di volte. Alla fine ho imbastito e stirato le pieghe, ed e’ andato un po’ meglio.

La parte che credevo piu’ complicata – i capelli- è invece stata facilissima da completare.

Ho scoperto che qui in zona – da Pointincraft – si trova la stoffa per il viso e il corpo degli angeli Tilda nelle varie tonalità.